Blog

Un giorno a Positano, la guida che ti mostra cosa vedere e cosa fare in un giorno

Positano nella storia

positano

Molti sono i miti che raccontano l’origine del comune di Positano; uno di questi vuole che la città sia stata fondata da Poseidone, dio greco del mare, per amore della ninfa Pasitea. La storia narra che il territorio di Positano fosse abitato già nella preistoria come accertato dai ritrovamenti di un gran numero di molluschi terrestri e marini e della pietra con testa di animale incisa presso la grotta La Porta nel 1956-1957, la grotta Mezzogiorno nel 1967-1968 e la grotta Erica nel 1968-1969.

Un’altra leggenda legata a Positano rigurada le tre isole che circondano la città: Gallo Lungo, la Rotonda e il Castelluccio, da sempre ritenute dimora delle sirene. Verità o leggenda? Sta a voi dare il giudizio finale.

Diverse sono le testimonianze della nobiltà patrizia romana, che in questi luoghi amava trascorrere i periodi di villeggiatura, lontani dallo stress della vita di tutti i giorni.

In epoca più moderna il nome di Positano è legato all’invenzione della bussola nel 1300 da parte del navigatore italiano Flavio Gioia.

Positano: cose da vedere

positano grotte

Una tappa assolutamente da non mancare è la chiesa di Santa Maria Assunta, da non  perdere è lo spettacolo alle primi luci dell’alba: i primi raggi del sole creano un incredibile gioco di luci riflesse sulle piastrelle di maiolica della cupola.

Perfetta per gli amanti della tintarella e dei bagni è la spiaggia Spiaggia grande. Prima però di iniziare le consuete attività da bagnanti alzate lo sguardo in alto e ammirate la città che sovrasta sulla montagna come un presepe, un ambientazione unica che vi lascerà senza parole.

A 400 scalini dalla Spiaggia grande arriverete a Fornillo: una spiaggia splendida fatta di ciottoli levigati e un mare limpido e fresco.

Sosta consigliata sono le grotte di Positano: tra le più famose figurano, in ogni caso la Grotta La Porta, la Grotta di Mirabella (che si pensa fosse stata abitata, per l’appunto, dal brigante Mirabella), la Grotta di Capriglione (nella frazione di Laurito), la Grotta del Generale, la Grotta di Mezzogiorno (o Grotta delle Soppressate), la cosiddetta Grotta del Cadavere ed altre che sono disseminate un po’ dovunque. Un posto di riguardo, poi, spetta all’ arco naturale da cui prende il nome la frazione di Montepertuso.

Dopo tutto questo camminare concedetevi una sosta nei baretti del centro e gustatevi una Delizia al limone, tipico dolce della costa amalfitana.

Una volta rifocillati e ritemprati dagli sforzi “turistici” chiudete la giornata con una piccola passeggiata romantica al Sentiero degli dei, un sentiero panoramico che vi lascerà a bocca aperta. Lasciatevi ammaliare dagli scorci mozzafiato e dalle scogliere a picco sul mare.

spiaggia positano

Positano: artigianato e moda

Turismo, natura, mare, sole e…shopping!

Lo shopping a Positano è una vera e propria esperienza. La Moda Positano è ormai famosissima in tutto il mondo.

Uno stile di abbigliamento unico caratterizzato dall’unione di materiali naturali, colori vivaci e decori floreali. La tradizione del ricamo e dell’uncinetto unite alla tessitura della canapa e del lino hanno fatto si che Positano diventasse la capitale mondiale della “moda mare”.

Perdetevi nelle viuzze di Positano alla ricerca delle tipiche botteghe dove avrete l’opportunità di farvi realizzare davanti ai vostri occhi i tipici sandali di Positano in vero cuoio da abili ed esperti artigiani.